Depuratore di Milano Nosedo

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home L'impianto
Depuratore Nosedo - L'impianto
Indice
Il depuratore
Schema a blocchi
Inserimento ambientale
Tutte le pagine

Dati caratteristici dell'impianto di depurazione

 

Localizzazione: via San Dionigi 90 - 20139 Milano
Progetto architettonico: Prof. Arch. Gianni Braghieri
Progetto inserimento ambientale: Prof. Arch. Marco Prusicki
Imprese che hanno progettato e realizzato le opere:

  • VEOLIA WATER SOLUTIONS & TECHNOLOGIES ITALIA S.r.l. (mandataria)
  • DEGREMONT S.p.A.
  • PASSAVANT IMPIANTI S.p.A.
  • UNIECO S.C.R.L.
  • BONATTI S.p.A.
  • ITINERA S.p.A.

Superficie totale degli interventi: 40 ha (parco incluso)
Superficie occupata dall'impianto: 16 ha
Abitanti equivalenti serviti: 1.250.000 ab.
Portata media in tempo asciutto: 5.000 l/sec
Portata in tempo di pioggia: 15.000 l/sec

 

Ubicazione

L'impianto, ubicato nel comprensorio dominato dal sistema irriguo della roggia "Vettabbia" (località Nosedo), rappresenta la fase conclusiva di una complessa struttura di raccolta e collettamento delle acque reflue provenienti dalla zona centro orientale della Città di Milano, facente capo all'"emissario scaricatore di Nosedo" ed al collettore "Ampliamento Est".

Configurazione

Verso sud, la parte più imponente dell'impianto per le sue dimensioni è quella occupata dalle vasche di trattamento, incassate nel terreno, attraverso le quali i flussi dei liquami, provenienti dalle sezioni di grigliatura, dissabbiatura e disoleatura, sono sottoposti a trattamento biologico, prima di giungere alle sezioni di filtrazione su sabbia e disinfezione.

Pannello (pianta)

Al termine del processo, le acque depurate vengono restituite al sistema irriguo della campagna circostante. La parte a nord è invece quella dove si trova l'accesso al complesso e dove sono collocati gli edifici adibiti ai servizi e alla rappresentanza.

Linea acque

I liquami da trattare sono conferiti all'impianto tramite collettori separati, che costituiscono i due flussi da sottoporre a trattamento, provenienti dalle opere di presa Nosedo, Rogoredo, S. Arialdo, Ampliamento Est, S. Dionigi e Ripamonti.

I due flussi sono sottoposti a grigliatura grossolana e successivamente a grigliatura fine.

Dopo una fase di dissabbiatura e disoleatura i liquami vengono sollevati di quota per accedere al trattamento biologico che ha lo scopo di abbattere sia il carico inquinante biologico (BOD e COD), sia il contenuto di sostanze nutrienti (azoto e fosforo); esso comprende le sezioni di denitrificazione e ossidazione-nitrificazione seguite dalla decantazione finale.

A completamento del trattamento biologico sono previste le sezioni di ricircolo fanghi attivi e ricircolo miscela areata.

Successivamente i liquami sono sottoposti a filtrazione su sabbia e disinfezione.

Il liquame così depurato viene restituito al sistema idrografico esistente: Emissario Nosedo, Roggia Vettabbia e Redefossi.

Portate

 

Linea fanghi

Il trattamento dei fanghi prevede sostanzialmente fasi di stabilizzazione e riduzione dei quantitativi da smaltire.

Captazione aria e deodorizzazione

È realizzato un sistema di captazione dell'aria da tutti gli edifici di trattamento per l'abbattimento di eventuali odori molesti.

 

 



 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. info.

EU Cookie Directive Module Information